Ricerca

text: 27 Risultati

Le previsioni sul 2018 che si sono rivelate sbagliate

Dai complotti negli Stati Uniti all'Apocalisse, fino alla conseguenze dell'eclisse di Luna: una rassegna delle previsioni fasulle di quest'anno (foto: Getty Images) Come è andato il 2018 nel business delle previsioni? La risposta giusta è, probabilmente, come al solito. Che si sia dei ciarlatani professionisti che dicono di usare le stelle, o che (forse peggio) si sopravvalutino molto le proprie capacità di analisi, il bilancio è simile. Dato un volume abbastanza grande di profezie, tenderanno ad avverarsi quelle più ovvie e vaghe. È molto più difficile prevedere con precisione un evento possibile ma improbabile, ma il gioco può valere la candela. La tradizione, però, impone di ricordare alcune delle giocate più imbarazzanti dell’anno. L’infallibile veggente della Brexit L’astrologia è una ciarlataneri......

Leggi tutto >>

TOELETTATURA PROFESSIONALE

  Animalia di Elisa sa che la toelettatura dei gatti a pelo lungo (Persiano, Angora, Norvegese, Ragdoll, Siberiano, MaineCoon, etc.) è fondamentale, in quanto a causa della grande quantità di pelo, dobbiamo prevenire i nodi e gli intrecci nel pelo del gatto, non solo perché sono antiestetici, ma anche perché potrebbero causare ferite e irritazioni sulla sua pelle. Per questo è importante prestare attenzione alle condizioni del pelo del gatto, e occuparsi di operazioni di toelettatura con scadenze periodiche.   Le operazioni di toelettatura di un gatto richiedono situazioni di maggiore calma e quindi di maggiore durata rispetto alla toelettatura di un cane. L’acqua non è propriamente elemento naturale per la maggior parte dei gatti; il phon ripropone al gatto la situazione di un soffio sul muso da parte di un altro gatto, e quindi il toelettatore dovrà poter prendere tu......

Leggi tutto >>

Festival della scienza 2018: cosa fare con i bambini

Comincia il 25 ottobre la nuova edizione dello storico festival genovese dedicato alla divulgazione scientifica. Ecco qualche consiglio (foto: Getty Images) Il 25 ottobre inaugura a Genova la 16esima edizione del Festival della scienza, uno dei più importanti appuntamenti italiani per bambini ed adulti legati alla divulgazione scientifica, dedicato quest’anno ai Cambiamenti. Un’edizione importante non soltanto per la manifestazione in sé, ma anche per il capoluogo ligure, per il quale è la seconda occasione nazionale – dopo il Salone nautico – dal dramma del ponte Morandi. La grande maggior parte delle attività si svolgono nella zona del centro e si possono (anzi, spesso si devono) raggiungere a piedi. Esistono mostre e laboratori pensati per i più piccoli – e quindi, a volte, banali per i più grandi – ma esisto......

Leggi tutto >>

Gatto con la cresta è talmente piccolo da non riuscire ad attaccarsi al biberon

Una donna dell'Arizona ha trovato un piccolo gattino con la cresta tutto solo, abbandonato, affamato e sottopeso. E ha deciso di aiutarlo. Ma nonostante provasse a darle da mangiare, il micio proprio non sapeva come fare.  Nonostante tutti i tentativi, del biberon proprio non ne voleva sapere. E in suo soccorso è arrivata Melinda Blain di Bottle Baby Fosters di Phoenix: con tutta la sua esperienza di levatrici di orfani è riuscita a insegnargli a ciucciare. E per la prima volta nella sua vita, Wolfie ha avuto la pancia piena.  Con un solo pasto è cresciuto di 20 grammi, ma la sua strada era ancora in salita. Melinda si è presa subito a cuore questo meraviglioso gattino, nato con una folte chioma proprio fra le orecchie. «Aveva una grande avversione dal bere con il capezzolo artificiale. E la sua salvatrice si è subito resa conto di aver bisogno di aiuto, voleva davvero ......

Leggi tutto >>

Gatto più piccolo del normale rimasto orfano scambia chiunque per sua madre

Una testa grande e un corpo minuscolo. Questo tenero cucciolo di quattro settimane è stato trovato tutto solo per trada e portato in un rifugio dell'Alabama. Ad accoglierlo a braccia aperte è stato il Kitty Kottage Dothan, un gruppo di soccorso per gatti speciali proprio come lui.  NOEPEN Il veterinario lo ha subito visitato e diagnosticato «una infezione del tratto respiratorio superiore, non rara per un cucciolo così piccolo che non si nutre di latte materno». Ma nonostante pesasse appena 170 grammi, e fosse decisamente denutrito, il tenero micio ha dimostrato da subito una gran voce e un grande appetito.  In più «BooBoo è ipersocievole con chiunque: non solo con gli esseri umani ma anche con gli altri animali, sia gatti che cani», racconta la volontaria Cheri. «Chiede costantemente attenzioni da chiunque e ama rannicchiarsi a contatto con qualcuno».  NOEPEN «......

Leggi tutto >>

Le migliori scoperte scientifiche del 2018

Tecniche per tracciare lo sviluppo delle singole cellule o per studiare la struttura delle proteine. Un cratere sotto i ghiacci della Groenlandia e la scoperta di una fonte di neutrini cosmici. Ecco per cosa ricorderemo l'anno che sta per finire C’è tanta, tantissima biologia nell’anno che sta per chiudersi. Ce ne è almeno per la rivista Science che nell’ormai super-consolidata tradizione di fare un bilancio dell’anno che finisce, ricordando quali sono stati i traguardi scientifici più importanti, dà ampio spazio alla biologia. Specialmente alla dimensione più molecolare della disciplina. Ma c’è anche modo per raccontare le scoperte che hanno segnato il campo nell’antropologia, anche qui come da consuetudine, nell’ambiente e nella fisica, senza dimenticare l’altra faccia della medaglia, ovvero il racconto di......

Leggi tutto >>

Chernobyl, ecco gli animali che prosperano nella zona di esclusione

Uno studio ha fotografato 15 specie all'interno della Zona di esclusione di Chernobyl. C'è una grande abbondanza di animali e sono state avvistate tre specie, mai osservate qui, fra cui la lontra di fiume. Ecco perché C’è vita e una vasta biodiversità anche dove non ci si aspetterebbe che ci fosse: oggi a Chernobyl, dopo più di 30 anni dal disastro nucleare più grande della storia, nel 1986, c’è una fauna selvatica abbondante, con specie non attese. E questo anche nella cosiddetta Zona di esclusione di Chernobyl, che copre l’area dentro un raggio di circa 30 chilometri dalla centrale nucleare, approssimativamente 2.600 km quadrati. A mostrarlo è un gruppo di ricercatori dell’Università della Georgia ad Athens, negli Stati Uniti, che conferma i risultati di un loro precedente studio e aggiunge la presenza di nuov......

Leggi tutto >>

Coronavirus: la pandemia non ha ancora raggiunto il picco

Secondo l'Oms la pandemia del nuovo coronavirus sta accelerando e non ha ancora raggiunto il suo apice. Per ora abbiamo raggiunto globalmente oltre 11milioni di casi e 535 mila vittime (foto: GIL COHEN-MAGEN/AFP via Getty Images) Nel mondo ci sono 11,5 milioni di casi, mentre le vittime sono salite a 535mila. Eppure, il peggio deve ancora arrivare: il picco della pandemia del nuovo coronavirus, infatti, non è ancora stato raggiunto. A riferirlo è l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), secondo cui a livello globale la pandemia sta accelerando e, quindi, non abbiamo ancora raggiunto l’apice. “Ci sono volute 12 settimane perché il mondo raggiungesse 400mila casi di Covid-19”, ha commentato durante una conferenza stampa a Ginevra il direttore generale dell’Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus. “Ma ora, solo durante l......

Leggi tutto >>

Choc nel mar Arabico, cucciolo di squalo balena in fin di vita usato come tavola da surf

Lui sta soffrendo. In riva al mare. Incapace di tornare in mare aperto, insieme al suo gruppo da cui è stato separato. La sua vita scivola via, lentamente e inesorabilmente. Ma c’è chi, nonostante questa scena straziante, riesce a non avere alcuna pietà: non solo non cerca di aiutarlo, ma lo schernisce. Lo usa come se fosse una tavola da surf. Come se fosse un giocattolo.  È questo la triste esperienza che ha vissuto un cucciolo di squalo balena su una spiaggia in Indonesia. A testimoniare il tutto un breve video pubblicato su Facebook da SharkOn! e da Creature del Mare Onlus.  L’animale è ancora vivo, riesce a malapena a muovere la pinna. Ma a rendere ancora più difficile la sua situazione ci pensa un ragazzino che gli sale sopra e si diverte a cercare di rimanere in equilibrio come se fosse una tavola da surf. E poi ancora un altro decide di cimentarsi nel “gioc......

Leggi tutto >>

Il consumo di carne condanna gli animali più grandi all’estinzione

Stando a una ricerca pubblicata su Conservation Letters, il consumo di carne da parte degli esseri umani sarebbe tra le principali minacce di estinzione dei grandi vertebrati (Foto: Tony Karumba/AFP/Getty Images) Più di 150 specie di animali di grandi dimensioni sono in pericolo di estinzione e altre 200 stanno diminuendo drasticamente. La colpa? Sicuramente in parte è anche la nostra. A riferirlo sulle pagine di Conservation Letters è un nuovo studio di un team di ecologi del College of Forestry dell’Oregon State University, secondo i quali, appunto, il consumo di carne da parte degli esseri umani sarebbe una delle principali cause dell’estinzione della megafauna. Lo studio ha monitorato in totale circa 300 specie di animali di grandi dimensioni, osservando che il 70% delle loro popolazioni è in declino e il 59% delle sp......

Leggi tutto >>

Tra scienziati presi alla sprovvista, cinema e "fake news", per questa giornata (e a pochi giorni dalla Shark week), torniamo sulle spiagge dov'è cominciata la nostra paura per questo predatore 1975, il pubblico in attesa di Lo squalo (Photo by Bettmann Archive/Getty Images) Da alcuni anni molte associazioni per la conservazione della natura celebrano la giornata mondiale dello squalo, lo Shark Awareness Day, il 14 luglio. Non è facile risalire alle origini di questa campagna: negli Stati Uniti sembra esista in qualche forma almeno da metà anni Novanta, ma non è chiaro di chi sia stata l’idea. La data è sempre intorno alla metà di luglio, e probabilmente non è un caso che in questo periodo cada un altro avvenimento sugli squali popolare: la famigerata Shark Week di Discovery channel comincerà a fine mese. Nonostant......

Leggi tutto >>

MANGIMI

Per garantire la salute dei tuoi animali domestici, Animalia dispone di un ampia scelta di alimenti delle migliori case produttrici del settore, tra cui potete scegliere mangimi secchi, mangimi umidi, stick, ossi. Sapremo sempre consigliarti sulla dieta più adatta al tuo animale, tenendo sempre presente la sua età, la sua salute, le sue esigenze e i suoi gusti! Guidandoti con il supporto di Veterinari esperti e fidati. Vieni a trovarci in negozio, la consulenza è gratuita e potrai toccare con mano la qualità dei nostri prodotti e condividere il nostro amore per gli animali.     ...

Leggi tutto >>

Gatti, i consigli per alimentarli nel modo corretto

Il team di esperti dell'American Association of Feline Practitioners fornisce alcuni consigli per seguire una più corretta alimentazione ai nostri gatti e ridurre così i problemi legati allo stress e all'obesità (Foto: Benjamin Torore7Getty Images) Chi mangia due volte al giorno, chi tre e chi invece una soltanto. Non stiamo parlando di esseri umani, bensì di gatti e della loro alimentazione, che sempre più spesso viene trascurata e correlata a problemi medici, sociali ed emotivi dei nostri animali domestici. A dispensare ora qualche consiglio utile per indirizzare i proprietari dei gatti a una più corretta alimentazione è l’American Association of Feline Practitioners (Aafp), che ha appena rilasciato sulle pagine del Journal of Feline Medicine and Surgery il suo nuovo rapporto dal titolo Programmi di alimentazione felin......

Leggi tutto >>

Perché le zebre hanno le strisce?

Le strisce della zebra servono come deterrente dei parassiti. Quando gli insetti si avvicinano molto al corpo dell'animale le strisce lo abbagliano, impedendogli l'atterraggio (foto: WLDavies via Getty Images) Bianche e nere (o comunque scure), se ci si sofferma a guardare una zebra ci si può perdere nelle sue strisce, quasi come in un’illusione ottica. Ma sono utili a qualcosa? C’è una ragione evolutiva alla base della selezione di questi colori alternati in fasce ordinate, quasi geometriche? Si tratta di domande su cui gli scienziati si interrogano da circa 150 anni. Oggi, un gruppo dell’università di Bristol e della California a Davis ha mostrato che la presenza delle strisce sembra funzionare come deterrente contro i parassiti, una conferma dei risultati di studi precedenti. I ricercatori hanno utilizzato un metodo o......

Leggi tutto >>

Le persone che hanno fatto la storia dei vaccini

Siamo nella settimana mondiale dedicata alle vaccinazioni. E con l’occasione, Wired ha pensato di raccontarvi la storia di una tra le più importanti scoperte nella storia della medicina attraverso i suoi protagonisti (nel bene e nel male) I numeri a volte parlano chiaro. Pensiamo al vaiolo, una malattia che nel corso del ventesimo secolo ha ucciso tra i 300 e i 500 milioni di persone, per poi sparire, di colpo, grazie a una campagna di vaccinazione internazionale. È vero, rimane l’unico caso, ma altre malattie potrebbero presto fare la stessa fine. La poliomielite, ad esempio, che dal 1988 ad oggi ha registrato un calo del 99% nei casi, e rimane endemica solamente in tre nazioni del mondo. O ancora, il morbillo, per il quale le vaccinazioni hanno abbattuto dell’80% la mortalità tra il 2000 e il 2017, salvando circa 21......

Leggi tutto >>

Le leggende metropolitane più famose di sempre

Alcune funzionano così bene che, anche grazie alla pop culture, diventano universali. Ripassiamo 5 delle più famose (foto: Ldf via Getty Images) Che le si riconosca come tali o meno, le leggende metropolitane fanno parte del folklore. E questo, prima di dare il titolo all’album di Taylor Swift, è l’insieme delle tradizioni e delle credenze condivise da un gruppo. Le leggende metropolitane sono quindi una parte essenziale dell’essere umani, non meno della musica. Ma se è facile fare delle classifiche di popolarità per le canzoni, per esempio contando le vendite, è più complicato capire quanto un’espressione del folklore possa essere famosa. In questo momento esistono leggende metropolitane limitate a una ristretta area geografica, di cui nemmeno i folkloristi sono a conoscenza. Eppure non per questo sono potenzialme......

Leggi tutto >>

La monogamia è anche una questione di geni. Ecco perché

Alla base della monogamia ci sarebbero cambiamenti nell'espressione degli stessi geni, anche in specie animali molto diverse fra loro. Così l'evoluzione utilizza lo stesso pacchetto di geni per trasformare gli animali da poligami a monogami (foto: Michel Rauch/Getty Images) Poligami o monogami? A deciderlo sono anche i geni. Secondo un nuovo studio sul mondo animale, guidato dai biologi dell’università del Texas a Austin, alla base della monogamia potrebbero esserci gli stessi geni per specie animali molto diverse fra loro. Secondo gli autori, infatti, nel corso di centinaia di migliaia di anni, l’evoluzione avrebbe fatto sì che gli stessi cambiamenti genetici abbiano trasformato animali appartenenti a classi e specie di vertebrati diversi (fra cui roditori, uccelli, rane e pesci) da poligami a monogami. Così l’......

Leggi tutto >>

È stata scoperta l’estinzione di massa che ha generato il mondo in cui viviamo

È databile a circa 233 milioni di anni fa ed è stata studiata da un team di ricercatori italiani. Alla scomparsa di molte specie, in quel periodo remoto si affiancò l'apparizione di vari animali, inclusi i dinosauri e i primi mammiferi (foto: via Pixabay) Tutto è cambiato 233 milioni di anni fa, quando una nuova violenta estinzione di massa ha portato alla scomparsa di varie specie animali e all’apparizione e alla rapida espansione di numerose altre categorie di esseri viventi, compresi i dinosauri. A scoprirla è un gruppo coordinato da Jacopo Dal Corso della China University of Geosciences, di cui fanno parte anche altri ricercatori italiani delle università di Padova e Ferrara, del Cnr, del Muse – Museo delle scienze di Trento e del Museo di scienze naturali dell’Alto Adige. Chiamata dagli scienziati Episodio pluvi......

Leggi tutto >>

Un’ illusione ottica per uccelli potrebbe salvarti la vita

Occhi a palla giganti negli aeroporti. Dalla Francia arriva un'illusione ottica per temere lontani gli uccelli predatori dalle piste e diminuire gli incidenti aerei (foto : Brazil Photos / Getty Images) Aquile, falchi, poiane e uccelli rapaci in genere. Animali dalla vista così acuta da riuscire a individuare le loro piccole prede in movimento anche a grandi distanze. Ma davvero la loro vista è così incredibile? Per certi versi proprio no, soprattutto quando si parla di aerei. I rapaci infatti non percepiscono fino all’ultimo l’avvicinarsi degli oggetti, anche se decisamente grossi, e spesso non riescono a evitare l’impatto. Un team di scienziati francesi, però, sembra aver trovato un’ingegnosa soluzione: schermi a led sulle piste che proiettano giganteschi occhi rotondi. Un’illusione ottica che sfrutta le caratter......

Leggi tutto >>

Giornata mondiale del gatto, ecco le leggende metropolitane sui felini

Il gatto ha sempre ispirato leggende, anche quelle metropolitane. Nella loro giornata ne ricordiamo alcune. Dai fantomatici killer di gatti al pericolo per i neonati, senza dimenticare le famose pantere scappate (foto: Asurobson, via Getty Images) L’8 agosto è la giornata internazionale del gatto. Sarebbe stata creata nel 2002 dallo Ifaw (International Fund for Animal Welfare), un’associazione animalista e conservazionista. Attualmente però sul suo sito non se ne parla nemmeno di sfuggita, e in rete le prime tracce sembrerebbero del 2007. Piccoli misteri che in fondo non interessano a nessuno, perché iniziative simili esistono comunque da tempo. La nostra giornata nazionale del gatto, istituita addirittura nel 1990, è il 17 febbraio. Negli Stati Uniti cade il 29 ottobre. Tra tutte le ricorrenze che supportano il ciclo quo......

Leggi tutto >>

Questi super topi potrebbero aiutare gli astronauti a salvare muscoli e ossa

Un esperimento della Nasa condotto tra la Stazione spaziale internazionale e i laboratori a Terra ha dimostrato che bloccare certi ormoni nei topi protegge dalla perdita di densità muscolare e ossea. Un effetto che potrebbe rivelarsi molto utile per la salute degli astronauti (foto: Nasa) Potremmo definirle delle campionesse di body building del mondo murino, anche se la loro straordinaria forma fisica non è proprio tutta natura. Alcune topoline sono state modificate geneticamente o dopate per manipolare la loro crescita muscolare e aiutare gli scienziati della Nasa a capire meglio gli effetti della microgravità su ossa e muscoli. Inviate nello Spazio a dicembre, hanno trascorso circa un mese sulla Stazione spaziale internazionale (Iss) e sono tornate a casa salve (grazie Crew Dragon) e sane. Anzi, più che sane: a differenza ......

Leggi tutto >>

Arriva il trasportino da business class per gli animali che viaggiano in aereo

Mentre il Dipartimento dei trasporti Usa annuncia una stretta sui “passeggeri a quattro zampe”, Delta lancia un trasportino super tecnologico per caricare i cuccioli in stiva senza stress Il nuovo servizio CarePod lanciato da Delta (foto: www.deltacargo.com) Nei cieli statunitensi si combatte una battaglia che riguarda un tipo ben preciso di viaggiatori: gli animali. Il Dipartimento dei trasporti americano, infatti, sta studiando una stretta sui permessi per portare a bordo, nella cabina degli aerei, cani, gatti & co. certificati come animali di supporto emotivo. E, nelle stesse ore, la compagnia aerea Delta lancia un nuovo trasportino, tecnologico e pensato per il benessere delle bestiole, per caricare i cuccioli in stiva senza farli soffrire eccessivamente. Il progetto di Delta sia chiama CarePod, è stato introdotto in o......

Leggi tutto >>

TRATTAMENTO ALL'OZONO IDROPET

Si tratta di un trattamento unico ed esclusivo che garantisce al vostro amico peloso la massima sicurezza evitandogli di respirare ozono e garantendo contemporaneamente  i benefici da esso derivante.   L’ozono se respirato dal vostro cane o gatto può essere estremamente nocivo e pericoloso.   Quando portate il vostro amico in toeletta e Vi propongono un bagno con ozono sinceratevi sempre che lo stesso venga effettuato con  acqua corrente ozonizzata: voi vi lavereste mai i capelli in acqua ferma … pretendete che lo stesso non accada neppure a “lui”. Inoltre l’utilizzo di acqua ozonizzata riduce notevolmente l’uso di saponi liquidi o detergenti, permettendo un lavaggio più “dolce” e ancora meno aggressivo....

Leggi tutto >>

Ecco l’hamburger impossibile: è vegano, ma sanguina come uno vero

Arriva nei fast food un hamburger vegano quasi indistinguibile dalla carne vera. Tra gli ingredienti, l’ingegneria genetica Con la primavera iniziano i barbecue, e un hamburger al sangue che sfrigola sulla griglia è tante cose. Il profumo, il colore rosa che vira al bruno, l’inconfondibile sentore leggermente metallico della carne semicruda. Rinunciare a esperienze sensoriali, anzi, sensuali del genere è forse uno dei motivi principali per cui tanti di noi non possono immaginare di essere vegetariani. Ora abbiamo una scusa in meno. Questa settimana la catena di fast food americana White Castle (poco nota in Italia ma storica in Usa: ha praticamente inventato il concetto di fast food burger) ha iniziato a vendere Impossible Burgers, hamburger prodotti dall’azienda Impossible Foods, in cui hanno investito tra gli altri Go......

Leggi tutto >>

Natale, le renne sono in pericolo a causa del cambiamento climatico

In venti anni la popolazione di renne e caribù selvatici delle regioni artiche si è più che dimezzata. Ed è solo l'ultima delle conseguenze del riscaldamento dei Poli (foto: Getty Images) Salvate Donner, Blitzen e Rudolph. Chi trainerà la slitta di Babbo Natale quando le renne saranno scomparse? Potrebbe infatti essere questo il destino di uno dei mammiferi artici più amati dai bambini di ogni tempo. Effetto del cambiamento climatico, dicono gli esperti del National Oceanographic and Atmospheric Administration (Noaa) nell’Arctic Report Card appena rilasciato: negli ultimi due decenni il numero complessivo di renne e caribù è diminuito del 56% e non c’è alcun segnale di ripresa. Mandrie dimezzate Secondo quanto riportato nell’Arctic Report Card 2018, la specie Rangifer (renne selvatiche e caribù del Nord America) h......

Leggi tutto >>

Vombati, ecco perché fanno la cacca a cubetti

I vombati, l'unica specie conosciuta in grado di produrre escrementi cubici, potrebbero offrire anche nuove preziose informazioni sui metodi di produzione dei tessuti molli (foto: JJ Harrison/Wikimedia Commons) Sono famosissimi per le loro feci, perfettamente a forma di cubo. Si tratta dei vombati, piccoli marsupiali erbivori originari dell’Australia, conosciuti appunto come unica specie al mondo in grado di produrre piccoli escrementi cubici. Una strana forma che da tempo ha incuriosito il mondo scientifico, ma che finora non era riuscito a spiegarne il motivo. Ma ora, durante la conferenza annuale dell’American Physical Society Division of Fluid Dynamics ad Atlanta, un team di ricercatori della Georgia Institute of Technology è riuscito finalmente a svelarne il mistero, capendo il perché gli escrementi dei vombati assumo......

Leggi tutto >>

Grazie ad apposite app, oggi chiunque può contribuire a combattere il traffico illegale di piante e animali selvatici, un mercato da 23 miliardi di dollari in mano a criminali senza scrupoli (foto: Getty Images) I crimini ambientali non vanno in vacanza. Se perciò avete scelto di godervi l’estate in qualche paese esotico, sappiate che potrebbe capitarvi di essere testimoni, o persino complici involontari, del traffico di specie selvatiche. È difficile che possiate sorprendere un bracconiere in azione, ma qualcuno potrebbe cercare di vendervi un monile in avorio o una conchiglia protetta dalle leggi internazionali. Potreste persino incappare in qualche specie a rischio scorrendo il menù del ristorante. Accade più spesso di quanto si possa immaginare, al punto che Traffic, la più importante associazione internazionale contr......

Leggi tutto >>

A volte non basta fare esercizio per dimagrire

L’attività fisica è fondamentale per perdere peso. Ma spesso dopo aver iniziato a correre o andare in palestra gli effetti non sono quelli sperati. Uno studio della Vanderbilt University potrebbe aiutare a spiegare il perché (foto: Rene Schwietzke/Flickr) L’Oms raccomanda 150 minuti di attività fisica a settimana per assicurarsi di invecchiare in salute. L’esercizio d’altronde aiuta a contenere lo stress, diminuisce il rischio di soffrire di malattie come il diabete, l’Alzheimer, e diversi tipi di tumori. Se si parla solo di perdere peso, però, lo sport da solo potrebbe non essere sufficiente. O quanto meno risultare deludente. Può sembrare un controsenso, ma è quanto emerge da una ricerca della Vanderbilt University pubblicata di recente sulla rivista Diabetes. Uno studio su topi, che potrebbe però avere conseg......

Leggi tutto >>

La Cina sta creando scimmie con geni umani nel cervello: saranno più intelligenti?

Un team di ricercatori cinesi ha inserito nel cervello di alcuni macachi un gene umano, che pare ne abbia migliorato la memoria (foto: Getty Images) Cosa distingue l’essere umano dagli altri animali? Qual è stata la chiave genetica che ci ha fatto abbandonare gli alberi, camminare eretti e parlare? Un team di ricercatori cinesi sta provando a risolvere il mistero creando delle scimmie transgeniche che esprimano geni umani coinvolti nei meccanismi di sviluppo del cervello. E dal primo tentativo, descritto sulla rivista asiatica National Science Review, sarebbero già nati cinque macachi rhesus, con una memoria a breve termine un po’ più umana. Esperimenti che la comunità scientifica non ha tardato a definire pericolosi e contro l’etica, oltre che inutili. I geni dell’umanità La ricerca di ciò che ci rende esseri umani......

Leggi tutto >>

No, i polpi non sono alieni venuti dallo Spazio

Uno studio di 33 scienziati da tutto il mondo rilancia la teoria che le uova di questi animali siano arrivate su corpi ghiacciati dallo spazio. Ma la teoria non è possibile secondo vari altri gruppi di ricerca (foto: Fred Tanneau/Afp/Getty Images) Gli alieni potrebbero già essere fra noi: avrebbero tentacoli e ventose e abiterebbero le profondità marine. In realtà non stiamo parlando di fantascienza ma di uno studio biologico sui polpi: secondo una ricerca condotta da 33 scienziati di tutto il mondo e pubblicata sulla rivista Progress in Biophysics and Molecular Biology, le uova di polpo potrebbero essere venute dallo Spazio milioni di anni fa, avendo viaggiato su corpi ghiacciati come meteore. L’articolo, uscito il 13 marzo scorso ha ottenuto attenzione da parte dei media soltanto ora, a maggio, e ha scatenato varie ......

Leggi tutto >>

Animali Fantastici 2, tutti i problemi del nuovo film

I crimini di Grindelwald è un successo al botteghino ma sono in molti a notare cose che non vanno in questo secondo capitolo. ATTENZIONE: spoiler sulla trama ATTENZIONE: possibili spoiler su Animali fantastici: I crimini di Grindelwald Come era facile da aspettarsi, Animali fantastici: I crimini di Grindelwald, il secondo capitolo nella nuova saga magica all’interno del Wizarding World di JK Rowling, sta avendo un successo notevole al botteghino, arrivando al primo posto sia negli Stati Uniti sia in Italia. Eppure le critiche non sembrano essere altrettanto entusiaste, parlando di una pellicola che getta ombre sull’intera franchise, e anche molti fan stanno reagendo in queste ore segnalando scelte che all’interno del film stesso non funzionano, talvolta arrivando anche a contraddire le storie già pubblicate dalla scrittr......

Leggi tutto >>

Un piccolo studio inglese riporta l’attenzione sul bisogno di sangue anche in ambito veterinario: i proprietari spesso non sono consapevoli del problema. Ma quando c’è disponibilità ci sono anche gli strumenti, all’estero come in Italia. Ecco qualche indicazione (foto: Getty Images) Ci avete mai pensato? Anche gli animali domestici potrebbero aver bisogno di trasfusioni di sangue, proprio come gli umani. Uno studio inglese – il primo nel suo genere –rivela però che la maggior dei proprietari non se ne è mai reso conto, non considerando dunque la possibilità di far diventare il proprio cane o gatto un donatore di sangue. Eppure ce ne sarebbe molto bisogno. Lo studio La ricerca, condotta da due ricercatrici del Royal Veterinary College e pubblicata sulla rivista Vet Record, indaga proprio la consapevolezza dei propri......

Leggi tutto >>

Bolsonaro ha fatto firmare al suo cane una legge contro gli abusi sugli animali

Il presidente del Brasile Jair Bolsonaro ha firmato insieme al suo cane Nestor un disegno di legge per aumentare le pene verso chi maltratta gli animali domestici. Lui è apparso contento, Nestor un po' meno (foto: SERGIO LIMA/AFP via Getty Images) Se il presidente brasiliano Jair Bolsonaro non si preoccupa più di tanto degli incendi nella Foresta Amazzonica o dell’epidemia di Covid-19, il benessere degli animali invece sembra stargli particolarmente a cuore. Solo di quelli domestici, però. Approvata di recente dal Congresso brasiliano, una nuova legislazione nazionale prevede pene più severe della precedente per chi maltratta cani e gatti, con multe e detenzione tra i due e i cinque anni (in precedenza vigeva un regime con pene al massimo di 12 mesi). Si potrà addirittura vietare ai trasgressori di adottare nuovamente degl......

Leggi tutto >>

Dai cani agli elefanti, il riconoscimento facciale fa bene agli animali

Una quantità di sistemi di intelligenza artificiale monitorano e analizzano musi e fattezze di mucche, lemuri, tigri e leoni per le più diverse finalità, dalla lotta al bracconaggio alle condizioni di allevamento (Foto: iStock) Il riconoscimento facciale, ormai diffuso perfino nelle nostre tasche attraverso una grande quantità di smartphone, ha applicazioni di ogni tipo. Alcune non esattamente rosee, come quelle della tecnologia “Rekognition” di Amazon che mesi fa identificò 28 parlamentari statunitensi come criminali. Oppure nei sistemi di controllo utilizzati in Cina, ormai estremamente sofisticati e in grado di acciuffare un soggetto anche nel bel mezzo di folle oceaniche. Tuttavia gli aspetti da perfezionare sono ancora diversi, dai pregiudizi intrinseci ai sistemi all’inaccuratezza legata ai dati forniti in addest......

Leggi tutto >>

Durante il processo in cui abbiamo addomesticato i cani, 33mila anni fa, l'anatomia degli occhi dei cuccioli è cambiata. E il loro sguardo è diventato più intenso e amorevole. I risultati di uno studio che mette a confronto cani e lupi (foto: K.C. Alfred via Getty Images) Perché i cani (ma anche i gatti) suscitano la nostra simpatia e la nostra tenerezza? A rispondere è anche la natura, che ha reso gli occhi – e dunque l’espressione – di questi animali via via, nei secoli, sempre più dolci e amorevoli, veri catalizzatori della nostra attenzione. Questo risultato è frutto di uno studio, coordinato dall’Università di Portsmouth che mostra come l’anatomia facciale dei cani sia cambiata, migliaia di anni fa, favorendo una migliore comunicazione con l’essere umano, un compito in cui riescono benissimo. Lo studio c......

Leggi tutto >>

Trapianto di memoria tra lumaca, ecco come l’rna trasferisce i ricordi

I biologi della Ucla hanno trapiantato i ricordi di una lumaca “addestrata” in un’altra trasferendone le molecole di rna (Foto: ullstein bild / Getty Images) È possibile trasferire i ricordi di un individuo in un altro? Sembra fantascienza, eppure oggi siamo un po’ più vicini a quella che potremmo chiamare la sintesi di una memoria artificiale. Un gruppo di biologi della Ucla ha scoperto infatti che trasferendo l’rna (molecole che trasportano informazione genetica e non solo) di lumache marine addestrate in altri esemplari, anche il ricordo dell’allenamento viene trasferito. Una rivelazione molto promettente secondo gli autori dello studio perché in futuro potrebbe portare a sviluppare nuovi approcci per i disturbi da stress post traumatico oppure ripristinare i ricordi persi a causa di malattie neurodegenerative c......

Leggi tutto >>

Secondo l’Onu un milione di specie viventi sono a rischio estinzione

Secondo l'Ipbes, organismo delle Nazioni Unite che monitora la biodiversità, la colpa è dell'uomo e alcuni animali scompariranno già nel giro di un decennio Le api sono tra gli animali a rischio di estinzione (foto: Frank Rumpenhorst/picture alliance via Getty Image) Tra poco più di un decennio, un milione di specie vegetali e animali potrebbero non esistere più. Tra queste, gli scoiattoli rossi, i ricci, i pipistrelli, le farfalle blu, le allodole e le api. A lanciare l’allarme è la Piattaforma intergovernativa scientifico-politica sulla biodiversità e gli ecosistemi (Ipbes), un organismo interno all’Onu, in un report di 1800 pagine pubblicato oggi e firmato da 400 scienziati provenienti da più di cento paesi. Il testo, frutto di più di tre anni di studi, è un atto d’accusa nei confronti degli effetti delle attiv......

Leggi tutto >>

Un nostro antenato misterioso nelle Filippine 709mila anni fa?

Gli ominidi avevano colonizzato le Filippine molto prima di quanto si pensasse, ben 700mila anni fa. Il risultato dall'analisi di fossili e utensili. Ora l'ipotesi su quale specie umana possa essere (Foto: Thomas Ingicco) Nelle Filippine sono stati rinvenuti resti di misteriosi ominidi vissuti circa 709mila anni fa, molto prima di quanto si riteneva finora: infatti l’ipotesi della colonizzazione da parte degli ominidi in quest’area terrestre risaliva a soltanto 67mila anni fa. Così, l’orologio deve essere spostato più di 600mila anni prima, nelle Filippine, in particolare nell’isola di Luzon, la più grande dell’arcipelago. A rivelare questo dato è un team di ricerca internazionale, guidato dal Museo nazionale di storia naturale francese, a Parigi, che ha pubblicato i risultati dello studio su Nature. I ricercatori......

Leggi tutto >>

Ecco nemuri, un gene che favorisce il sonno

Quando l'individuo non dorme da troppo tempo, oppure in presenza di un'infezione, la proteina associata a questo gene viene prodotta in maniera abbondante, stimolando e prolungando il sonno (foto: Adam Kuylenstierna/EyeEm via Getty Images) Svegli, attivi e insonni? Potrebbe anche dipendere anche dai geni. Oggi, un team di ricerca dell’Università della Pennsylvania, ha identificato un gene, finora sconosciuto, che promuove, in un modello animale, l’addormentamento e il riposo dopo un periodo di deprivazione del sonno oppure dopo aver avuto un’infezione. Una doppia azione che confermerebbe anche il legame fra sistema immunitario e sonno. I ricercatori, fra cui il giapponese Hirofumi Toda, primo autore del paper, hanno chiamato questo gene nemuri (da nur, che in giapponese vuol dire sonno). Una doppia azione che conferme......

Leggi tutto >>

Gli scienziati hanno un nuovo modo per chiamare le ricerche sulle vostre feci: “in fimo”

La formula "in fimo" viene dal latino fimus, letame. Ecco perché serve e come è stata scelta (foto: John Sheperd/Getty Images) In vitro, in vivo, ex vivo. Tutte espressioni, tratte dal latino, per indicare studi in provetta (in vitro) oppure in organismi viventi (in vivo) o in tessuti prelevati da questi organismi (ex vivo). Oggi tre ricercatori afferenti a università statunitensi propongono di introdurre una nuova formula nella terminologia clinica. L’espressione è in fimo, anche questa dal latino (fimus vuol dire letame), e potrebbe essere utilizzata quando si studiano le feci. Letteralmente, spiegano i tre autori dell’Università della North Carolina e dell’Università di Notre Dame, in fimo significa “escrementi analizzati sperimentalmente”. La proposta dei ricercatori è stata pubblicata sul giornale Gastroen......

Leggi tutto >>

Quella di Covid-19 non sarà l’ultima pandemia. Ecco le prossime minacce

Gli spillover sono quasi triplicati negli ultimi 40 anni, complice l'azione dell'essere umano sull'ambiente e i cambiamenti climatici. I riflettori sono puntati non solo sui coronavirus, ma anche sul virus dell'aviaria (foto: DKosig via Getty Images) “Siamo davvero una specie animale, legata indissolubilmente alle altre”, ha detto David Quammen, autore del saggio del 2013 Spillover, nel quale si preconizza una pandemia e non a caso ripreso in mano da molti oggi, nella sfortunata occasione della pandemia di Covid-19. Lo spillover è il cosiddetto salto di un virus o di un altro patogeno da una specie a un’altra: per il nuovo coronavirus il salto è avvenuto probabilmente dal pipistrello – come anche si pensa nella Sars – o dal pangolino. Ma la storia è costellata di spillover diventati purtroppo famosi: oltre al Sars-Co......

Leggi tutto >>

Che cos’è la sesta estinzione di massa (e perché dovrebbe preoccuparci)

Secondo la comunità scientifica entro pochi decenni circa il 75% delle specie viventi scomparirà dalla Terra: il destino dell'uomo è rimanere solo sul pianeta? Due zigopter, anche conosciuti come damigelle, sulle rive del Po. (foto: Alberto Ghizzi Panizza / Barcrof / Barcroft Media via Getty Images) Sul finire del 2018 Adelphi ha pubblicato in Italia Il libro degli esseri a malapena immaginabili di Caspar Henderson, che descrive alcune creature alquanto bizzarre ma realmente esistenti, come il diavolo spinoso, la farfalla di mare o l’orso d’acqua. “Un bestiario del ventunesimo secolo”, recita il titolo originale, ma che presto sarà molto simile a quello del ventesimo secolo: il Libro sugli esseri immaginari, pubblicato da Jorge Luis Borges nel 1967, perché presto tutti quegli animali non esisteranno più. La questio......

Leggi tutto >>

Gli insetti potrebbero sparire entro un secolo. E le conseguenze sarebbero disastrose

Gli insetti diminuiscono del 2,5% all'anno e un terzo delle specie sarebbe a rischio estinzione. Se non si inverte la rotta le conseguenze saranno catastrofiche (foto: Pixabay) La fine del mondo potrebbe essere causata dagli insetti, per meglio dire dalla loro scomparsa. È la denuncia accorata di diversi esperti mondiali a seguito dell’analisi – pubblicata sulla rivista Biological Conservation – di 73 studi scientifici che ha rivelato come il 40% delle specie di insetti stia scemando di numero e un terzo sia addirittura in pericolo di estinzione. Con un calo del 2,5% all’anno (secondo le stime più ottimistiche), gli insetti potrebbero scomparire entro un secolo. Una crisi globale E chi ci pensava a una simile eventualità? In fondo ci erano stati proposti persino come il cibo del futuro. Invece, revisionando 73 dei prin......

Leggi tutto >>

Come è nata nelle zanzare la passione per il sangue umano?

La colpa sarebbe dei nostri insediamenti ricchi di acqua, che offrono alle zanzare un luogo ottimale per riprodursi anche nelle stagioni secche (foto: Getty Images) Noiose, implacabili, insopportabili. E anche pericolose: nonostante la taglia microscopica le zanzare sono uno degli animali più letali per la nostra specie, grazie a una lunga lista di malattie come malaria, dengue, Zika, che ogni anno uccidono oltre 100 milioni di persone in tutto il mondo, e per cui questi insetti rappresentano un vettore di trasmissione naturale. Per un fastidio così comune ai quattro angoli del globo, è strano pensare che delle oltre tremila specie di zanzare esistenti solamente una manciata è specializzata per pungere gli esseri umani. Dove, come, e perché è nata questa predilezione per il nostro sangue? A rivelarlo è una ricerca dell’u......

Leggi tutto >>

Secondo un piccolo studio statunitense le carni bianche aumenterebbero i livelli di colesterolo tanto quanto quelle rosse. Servono altri studi per avere una conferma (foto: Getty Images) Preferire le carni bianche come il pollo e il tacchino alle carni rosse. Così dicono le linee guida di tutto il mondo. Eppure secondo il team di Ronald Krauss del Children’s Hospital Oakland Research Institute in California, che ha pubblicato la propria ricerca sulle pagine della rivista The American Journal of Clinical Nutrition, non ci sarebbe molta differenza nell’aumento dei livelli di colesterolo tra una dieta a base di carne rossa e una a base di carne bianca. Risultati inaspettati, riferiscono gli stessi autori, ma che vanno a sostegno dell’idea per cui sarebbe meglio, in ogni caso, limitare l’apporto di proteine animali in favor......

Leggi tutto >>

Le leggende metropolitane di Londra

Dai complotti su Jack lo squartatore ai corvi della Torre, dalla mappa della metropolitana a Jack il saltatore: uno sguardo ad alcune delle leggende più interessanti di Londra tra folklore e turismo Mappa della metropolitana costruita coi lego (foto: Peter Macdiarmid/Getty Images) Londra è una delle mete più pubblicizzate per gli appassionati di ghost tourism. C’è solo l’imbarazzo della scelta: numerosi operatori sono in competizione per offrire al turista brividi a buon mercato visitando presunti luoghi stregati o teatro di delitti. Ma non manca il fai da te, e grazie alle guide facilmente reperibili ci si può lanciare nel legend tripping, cioè la visita di luoghi leggendari (o ritenuti tali) accompagnati da un po’ di sospensione dell’incredulità. L’industria del turismo di massa da sempre sfrutta il territorio......

Leggi tutto >>

Perché non usare vaccini speciali sugli animali selvatici per evitare nuove pandemie?

È la proposta di due biologi americani: vaccinando i reservoir animali di potenziali virus pandemici con farmaci in grado di propagarsi autonomamente nelle popolazioni potremmo sconfiggere il prossimo virus pandemico ancor prima che faccia la sua comparsa (foto: JEAN-PHILIPPE KSIAZEK/AFP via Getty Images) Ebola, Nipah, Covid-19, dengue, Sars e Mers, solo per citarne alcune. La lista purtroppo è lunga, i rischi concreti: sappiamo da anni che le zoonosi, le malattie trasmesse agli esseri umani dagli animali, sono uno dei pericoli maggiori che minacciano la salute globale. Anche per colpa dei rapidi cambiamenti che stiamo imponendo agli ecosistemi del pianeta, che moltiplicano le occasioni di contatto tra umani e animali selvatici, e quindi la trasmissione di nuove malattie, potenzialmente catastrofiche. I risultati sono sotto gli......

Leggi tutto >>

Prevenire nuove pandemie ci costerebbe molto meno che affrontare un’altra Covid

Un’analisi pubblicata da Science stima che i costi per attuare piani di prevenzione di nuove pandemie ammonterebbero appena al 2% di quanto abbiamo perso durante l’emergenza Covid-19 (foto: Getty Images) In dieci anni i costi da sostenere per attuare piani efficaci di prevenzione di future pandemie ammonterebbero mediamente a 260 miliardi di dollari, pari ad appena il 2% di quanto il mondo ha perso durante l’emergenza Covid-19 nel 2020, cioè circa 11,5 trilioni (mille miliardi) di dollari. A sostenerlo sulle pagine di Science è un team di ricercatori statunitensi che a suon di cifre ha ribadito quanto sia importante intraprendere azioni come reprimere il commercio di specie selvatiche o contenere la deforestazione – interventi finora decisamente sottofinanziati. I punti chiave della prevenzione Secondo i ricercatori la ......

Leggi tutto >>

La Mdma potrebbe far tornare il cervello a una fase di plasticità (per curare i disturbi post traumatici)

Una ricerca su animali potrebbe spiegare perché l'Mdma - o ecstasy - è risultato efficace nelle persone con disturbo post-traumatico da stress. Il composto riapre particolari finestre temporali, legate alla crescita, in cui gli stimoli esterni contribuiscono a plasmare alcune importanti abilità (foto: Science Photo Library via Getty Images) La Mdma – o ecstasy – potrebbe in futuro essere utilizzato in ambito medico per trattare alcuni problemi psichiatrici. Eppure, già diversi studi hanno messo in luce alcune potenzialità di questo composto nel trattare sintomi psichiatrici, in particolare il disturbo postraumatico da stress (Ptsd) un disturbo d’ansia che insorge in seguito a un trauma. Oggi un gruppo di neuroscienziati, coordinati dalla Johns Hopkins University School of Medicine, ha mostrato, per ora su modello an......

Leggi tutto >>

I topi che vedono l’infrarosso grazie a occhi potenziati

Un team cino-statunitense ha sviluppato nanoparticelle che, se iniettate sotto la retina, permettono ai topi di vedere la luce infrarossa. Senza danno agli animali (foto: Getty Images) Che cosa c’è oltre l’arcobaleno? Un posto in cui i sogni diventano realtà, cantava Judy Garland, interpretando Dorothy Gale del Mago di Oz. Non sarà proprio così, ma se fossimo davvero in grado di vedere oltre l’arcobaleno, o meglio oltre le lunghezze d’onda che i nostri occhi riescono a percepire, potremmo ammirare cose straordinarie. Ma dovremmo essere degli X-Men, giusto? Non è detto, la scienza potrà venirci in aiuto. Un team di ricercatori cino-statunitensi infatti è riuscito a potenziare la vista dei topi permettendo loro di percepire una parte degli infrarossi, semplicemente iniettando delle nanoparticelle sotto la loro retina......

Leggi tutto >>

Save the Duck, vola il piumino made in Italy che rispetta gli animali

Il marchio di abbigliamento animal-free punta a triplicare il fatturato e crescere all'estero. Ha lanciato una collezione con la plastica riciclata degli oceani al posto delle piume Da sinistra, Filippo Gaggini di Progressio e Nicolas Bargi di Save the Duck Un nuovo assetto societario e raddoppiare il fatturato in tre anni. Save the Duck, il marchio di piumini totalmente animal free nato nel 2011 da un’idea di Nicolas Bargi, terza generazione di imprenditori attivi nel tessile, scopre le carte e racconta il suo piano di crescita. Lo scorso anno i ricavi sono stati di 31,5 milioni di euro e per il 2018 la volontà è quella di superare i 36 milioni. Come? Puntando sull’internazionalizzazione. “Al momento siamo in 29 Paesi, perlopiù in Europa, con in testa la Germania, attraverso un network selezionato di negozi wholesale”......

Leggi tutto >>

I veri unicorni furono spazzati via dal cambiamento climatico

Dall'analisi del dna dei fossili, i ricercatori hanno scoperto che questi animali si estinsero circa 39mila anni fa, a causa di un lieve cambiamento climatico che, tuttavia, modificò radicalmente il loro habitat (Foto: DiBgd/Wikimedia Commons) Tra le praterie siberiane, circa 39mila anni fa, girovagavano gli Elasmotherium sibiricum, o unicorni siberiani, animali enormi di circa 3,5 tonnellate di peso, molto simili ai rinoceronti attuali, ma caratterizzati da un corno unico decisamente più grande (fino a un metro di lunghezza) che sporgeva tra le loro orecchie. E ora a far luce sulle ragioni della loro estinzione è un team internazionale di ricercatori che, in uno studio apparso sulle pagine di Nature Ecology & Evolution, ha dimostrato come l’unicorno siberiano non sembrerebbe essersi estinto 200mila anni fa come pensato fino......

Leggi tutto >>

"Bel negozio con una marea di accessori x animali. Noi andiamo x la toelettatura della nostra cagnolina. Prezzi giusti e titolare Elisa simpaticissima!"

- Alessandro G.

"MaGNIFICO!  Elisa la proprietaria del negozio é stata gentile e la gatta tra le sue mani era un'amore...fate un regalo ai vostri pelosetti provatelo!"

- Francesca L.

"Ho fatto tostare il mio barboncino freccia di 4 anni e ha fatto un bellissimo lavoro  veramente soddisfatto.
GRAZIE  ELISA"

- Roberto G.

Animalia di Elisa

Scarica l'App

Scarica l'app e
scrivici subito in chat!

 

 

 Possiamo aiutarti?