Mappato il dna del “toporagno” sopravvissuto all’estinzione i dinosauri


Scampati all'estinzione di massa che portò alla scomparsa dei dinosauri, i solenodonti sono mammiferi antichissimi con caratteristiche davvero uniche, come la saliva velenosa: mappare il loro genoma potrà contribuire a saperne di più

Sessantasei milioni di anni fa, forse a causa dello schianto di un enorme asteroide, tre quarti delle forme di vita sulla Terra si sono estinti, dinosauri compresi. Ma alcune specie animali sono sopravvissute alla catastrofe, arrivando, quasi immutate, fino ai giorni nostri. È il caso dei solenodonti, bizzarre creature simili a toporagni che proprio per aver conservato tratti tipici degli antichi mammiferi si sono conquistati l’appellativo di fossili viventi. Difficilissimi da avvicinare, dei solenodonti si sa poco, ma ora il sequenziamento del loro genoma potrebbe svelarci qualcosa di più su di loro e sulla storia del nostro pianeta.

Lo studio – per ora disponibile in pre-print su GigaScience – è stato condotto dal team di ricercatori guidati da Taras K. Oleksyk dell’Università di Porto Rico a Mayagüez, in collaborazione con l’Istituto Tecnologico di Santo Domingo e dell’Università Autonoma di Santo Domingo. Gli scienziati sono riusciti a ottenere campioni di sangue da 6 esemplari (5 di solenodonti del nord dell’isola di Hispanica e 1 dal sud) e sequenziarne il genoma.

“Abbiamo confermato la data della prima speciazione dei solenodonti, intervenendo nel dibattito in corso sul fatto che i solenodonti siano effettivamente sopravvissuti alla scomparsa dei dinosauri dopo l’impatto dell’asteroide nei Caraibi”, ha dichiarato Oleksyk in una nota. L’analisi del genoma ha dunque permesso di confermare che gli odierni solenodonti appartengono a uno dei rami più antichi dei mammiferi placentati, rimasto praticamente immutato per 76 milioni di anni.

La ricerca ha richiesto uno sforzo considerevole visto che le due specie di solenodonti tuttora viventi si trovano solo in certe regioni di Cuba e dell’isola caraibica di Hispanica, che sono animali notturni e che hanno un carattere irascibile. Se si sentono minacciati, infatti, questa sorta di toporagno di circa 30 centimetri di lunghezza (senza coda) strilla e attacca a suon di morsi. Un morso molto potente, che può uccidere topi e altri piccoli animali, senza considerare che la saliva dei solenodonti è – caratteristica rarissima nei mammiferivelenosa.

Il veleno è probabilmente la caratteristica più insolita e interessante per i biologi, ma non è l’unica. I solenodonti, per esempio, hanno artigli molto grandi, un muso flessibile e le mammelle delle femmine si trovano in una posizione molto arretrata rispetto a quella degli altri mammiferi. Particolare è anche il modo che questi animali hanno di muoversi, cacciare gli invertebrati di cui si nutrono e orientarsi: essendo creature notturne, la loro vista non è delle migliori, pertanto hanno sviluppato un sistema di ecolocalizzazione. I solenodonti emettono serie di clic sonori che rimbalzano sugli oggetti circostanti e che restituiscono agli animali un’immagine mentale del mondo attorno. Tutte caratteristiche che rendono i solenodonti davvero unici nel regno animale.

Ma non è tutto. La ricerca ha messo in luce anche quanto queste strane creature siano a rischio, minacciate dalla deforestazione, dall’aumento dell’attività umana e dalla predazione da parte di animali domestici come cani e gatti. “È importante se non prioritario – scrivono gli autori della ricerca – studiare la conservazione genomica dei solenodonti, la cui estinzione comporterebbe la cancellazione di un intero lignaggio evolutivo risalente all’era dei dinosauri”.


Fonte: WIRED.it


"Bel negozio con una marea di accessori x animali. Noi andiamo x la toelettatura della nostra cagnolina. Prezzi giusti e titolare Elisa simpaticissima!"

- Alessandro G.

"MaGNIFICO! Elisa la proprietaria del negozio é stata gentile e la gatta tra le sue mani era un'amore...fate un regalo ai vostri pelosetti provatelo!"

- Francesca L.

"Ho fatto tostare il mio barboncino freccia di 4 anni e ha fatto un bellissimo lavoro veramente soddisfatto.
GRAZIE ELISA"

- Roberto G.

Animalia di Elisa

Scarica l'App

 Possiamo aiutarti?